Vai direttamente ai contenuti

Home > Notizie ed eventi > AL GALĄCI IL PREMIO “GLI AUTOMOBILI” A GIACOMO AGOSTINI

AL GALĄCI IL PREMIO “GLI AUTOMOBILI” A GIACOMO AGOSTINI

17.12.2009

Perugia, 17 dic (Avi News) – Una serata ricca di emozioni, all’insegna dello sport e della solidarietà, quella che si è svolta all’hotel Brufani, mercoledì 16 dicembre, per la quinta edizione del GalÀci. L’iniziativa, promossa e organizzata dall’Automobile club di Perugia, si è aperta con la proiezione di filmati d’epoca sul mondo dell’auto e di immagini dei campionati regionali di automobilismo. Ospiti del presidente dell’Aci perugino, Ruggero Campi, oltre 150 persone, tra le quali il sindaco di Perugia, Wladimiro Boccali, i consiglieri regionali Stefano Vinti e Ada Girolamini, gli assessori provinciali Roberto Bertini e Donatella Porzi, oltre al presidente del Coni Umbria, Valentino Conti, e il presidente della Aci Umbria e Terni, Mario Andrea Bartolini.

Prima di un intermezzo dedicato al teatro dialettale perugino, con l’attrice Mariella Chiarini che ha interpretato un pezzo scritto da Franco Bicini, è stato presentato il calendario 2010 dell’Aci: tredici pagine dedicate ai manifesti pubblicitari delle auto degli anni Venti e Trenta, “raccontati” da Giuseppe Cogolli. Largo spazio, poi, alle premiazioni di piloti e direttori di gara che si sono distinti nell’anno appena trascorso. Insieme al presidente Campi, infatti, Marco Poponi, presidente dell’Autodromo di Magione e del comitato provinciale Aci Csai di Perugia, ha consegnato i premi per il XX Campionato regionale umbro di velocità 2009, che si è svolto nell’autodromo Borzacchini in nove gare nell’arco di nove mesi. A ricevere il primo premio è stato il pilota Lorenzo Marioli, seguito nell’ordine da Walter Lilli, Giampiero Sensi, Luca Rossetti e Deborah Broccolini. Ad ottenere poi il riconoscimento per l’attività sportiva svolta sono stati Stefano Bizzarri (European Formula 3 Open), Angelo Rogari (Porsche Cup), Matteo Cozzari (campionato italiano Formula 3000), Francesco Fanari (campionato italiano Rally), Nicola Merli e Mirko Paletta per il team Cipierre (Trofeo 33), Pierluigi Perugini (trofeo nazionale Formula Racing Free) e il direttore di gara Marcello Cecilioni. Premiato a sorpresa “per la professionalità profusa a favore dello sport umbro” anche il giornalista Francesco Ippolito, che ha condotto la serata insieme al collega Miki Russo. Un premio speciale è andato anche a Alberto Bianchi per i suoi 60 anni di patente in cui non ha mai avuto un incidente.

Clou della serata è stata però la consegna del premio internazionale “Gli Automobili” al 15 volte campione del mondo di motociclismo Giacomo Agostini. “Un indimenticabile campione – ha ribadito il presidente Campi – che ha premiato Perugia e l’Umbria con la sua presenza qui. Il nostro riconoscimento, però, va oltre l’aspetto sportivo: abbiamo scelto di premiare ‘l’uomo’ Agostini, per la sua semplicità e il suo modo di essere, insieme, un mito”. Agostini, che ha ricevuto il premio dal suo grande fan Wladimiro Boccali, ha raccontato qualche aneddoto legato al mitico Tourist Trophy, alla richiesta di Enzo Ferrari di correre in auto e ha a lungo sottolineato l’importanza dell’educazione stradale per i giovani “per evitare che le moto siano delle armi cariche sulla strada”.

Spazio, infine, anche per il sociale con i 50.250 euro che l’Automobile club Sociale ha donato al Centro Madre Speranza di Fratta Todina, che da anni si occupa di giovani e adulti cerebrolesi. “Non è stato facile ma decisamente bello occuparci di questa donazione – ha spiegato Ruggero Campi -, nata dall’impegno di un gruppo di amici dell’Aci e dell’Amub. Ma non ci fermeremo qui – ha ribadito il presidente a suor Annunziata del Madre Speranza che ha ricevuto l’assegno dal comandante della polizia municipale di Perugia Nicoletta Caponi -: è nostra intenzione costituire un’impresa sociale per aiutare i soggetti svantaggiati, come gli ospiti del centro di Fratta Todina. Sarà una specie di Telethon umbro con il quale saremo vicini alle persone più sfortunate”.

Egle Priolo